Le dimensioni del pene durante il sesso orale

Questo argomento potrà sembrare certo strano o forse un po’ di nicchia ma non lo è. Il problema di cui stiamo per parlare è forte più comune di quello che si pensa; nonostante il cazzo lungo sia il sogno di molte donne non è sempre semplice averci a che fare.

Il pene, come sappiamo, non ha sempre le stesse forme e le dimensioni variabili e per questo motivo il sesso orale può essere spiazzante. L’abitudine piacevole che è quella del rapporto orale può essere quindi messa a rischio!
Nei porno in streaming xxx non si vede mai nulla del genere perché le pornostar sono più abituate ad avere a che fare con peni di notevoli dimensioni ma le donne normali potrebbero avere delle difficoltà.

Nel mondo del porno le dimensioni del pene sono un accessorio necessario a tutti gli attori del settore che per avere una grande carriera non possono che essere dotati di un pene, potremo definirlo, “interessante”. Nella norma un pene a riposo è compreso tra gli 8 e gli 11 centimetri ma la dimensione del pene non si vede a riposo, anzi, spesso si vede davvero quando è irrorato di sangue e quindi tutto eretto. Non solo le dimensioni ma anche le forme possono cambiare e quindi rendono necessario utilizzare alcune posizioni per far far godere meglio i propri partner. Il pompino come preliminare non è quindi così semplice o scontato come potrebbe sembrare. Ci sono allora dei consigli (dati anche da famose pornostar) che possono essere utilizzati nei casi in cui il pene sia di una dimensione non comune e che quindi causi qualche problema nell’essere messo in bocca. Per non perdersi questo gran piacere ecco tre punti da tenere a mente:

  • Il primo punto è quello di non cercare di prendere subito tutto in bocca il pene. Non solo risulterà difficile ma potrebbe anche essere così sgradevole da far cessare il desiderio. Si può iniziare questa pratica distribuendo baci e delicate carezza con la lingua sul tutta la lunghezza, succhiando delicatamente alcuni punti come se si volessero lasciare dei succhiotti. Ma non solo: possiamo leccare e prende in bocca i testicoli, facendo molto attenzione alla reazione del nostro partner. Per rendere ancora più piccante la pratica possiamo leccare e succhiare anche le palle o toccare delicatamente il perineo. Tutte queste zone sono erogene e perfette per essere stimolate.
  • Non si deve per forza prendere tutto il pene in bocca. Anche le mani sono importanti. Mentre la bocca prende dentro la punta del pene, la mano potrebbe stringersi alla base del pene, masturbandolo per tutta la lunghezza che non può entrare in bocca.
  • Altra importante pratica che potete provare è quella di lasciare all’uomo la decisione di quando muoversi. Aprendo la bocca e lasciando all’uomo la possibilità di muovere i fianchi in modo da penetrare, diciamo così, la bocca nel modo che preferisca. Importante per questo genere di pratica è avere sempre stabilito un modo per segnalare l’eventuale disagio o quando si vuole smettere con questa pratica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.